Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

TheGrue.org

Tutti alla Hymer - considerazioni post evento

 

Tutti alla Hymer! E’ stato questo il motto che ha accompagnato 25 Hymer che si sono messi in moto da più parti d’Italia per convergere in quel di Bad Waldsee, cittadina del Baden-Württenberg sede dello storico marchio. Un evento tanto atteso questo del 2 giugno 2017 e che non ha certo deluso le aspettative dei 50 hymeristi presenti. La preparazione è stata curata nei minimi dettagli dall’Ufficio Turistico Hymer Club Italia, con l’assistenza e la collaborazione del team di Erwin Hymer Group Italia che cura commercializzazione e marketing di Hymer in Italia, in particolare di Marco Giannelli, Sales Manager, Arianna Nieri, Marketing & Communication Manager e Francesca Lucherini, Marketing & Communication Assistant.
La festa inizia già la sera di giovedì 1° giugno. Dopo l’arrivo degli equipaggi, nel grande piazzale dell’Erwin Hymer Museum, è stato allestito un grande gazebo per un aperi-cena in stile Hymer Club Italia, seguito da tombola ed estrazioni a premi. La serata è stata animata dal noto prestigiatore Roberto Comi, socio e Mago ufficiale del Club.

Venerdì 2 giugno 2017: finalmente il grande giorno è arrivato. Alle 8,30 arrivano croissant appena sfornati che vengono distribuiti ai partecipanti. Alle 9 è la volta del servizio fotografico, a cura di Lorenza Grampa, Direttore Editoriale di Caravan e Camper. Alle 9,30 arriva il bus per il transfer, organizzato in tempo reale da Hymer Italia. Alle 10 entriamo tutti nella hall della Hymer, L’attesa è finita!
Qui veniamo accolti dai dirigenti, affiancati da due interpreti. Dopo averci offerto un caffè, viene catturata la nostra attenzione e si procede alla presentazione dell’azienda. I numeri sono impressionanti. Qui vengono prodotti ben 55 veicoli al giorno! Veniamo divisi in due gruppi, ogni gruppo accompagnato da un dirigente Hymer ed un interprete. Lasciamo la zona uffici ed Iniziamo la visita dello stabilimento vero e proprio. Viene dato molto risalto alla descrizione dettagliata delle famose pareti Hymer. Lo stabilimento è in piena attività, gli operai sono all’opera. Notiamo parecchie donne tra i banchi di lavoro. Dall’alto di una passerella sopraelevata, possiamo vedere con i nostri occhi come nasce un Hymer. Si passa dalla grande falegnameria fino ad arrivare all’assemblaggio vero e proprio, vedendo finalmente come sono fatti i nostri camper. Il nostro accompagnatore ci illustra le varie fasi della lavorazione ed i nostri soci gli porgono in continuazione domande. In effetti per noi Hymeristi è un po’ come trovarsi in un “santuario”.
E’ qui che nasce il nostro oggetto del desiderio! Non ce ne rendiamo conto ma il tempo passa ed è quasi mezzogiorno. Riprendiamo il bus che ci riporta ai nostri camper. La visita è stata appagante e la vogliamo consigliare a tutti i camperisti. Al ristorante Caravano, all’interno dell’Erwin  Hymer Museum, ci viene preparato un buffet con piatti tipici del Baden-Württemberg.
Il pomeriggio è dedicato alla visita del museo che racconta la storia dell’abitar viaggiando. Suggestive e pioneristiche caravan, auto  d’epoca, i primi camper. Tutto inserito in ambientazioni accuratamente studiate. Non mancano le tematiche multimediali. L’Erwin Hymer Museum è proprio la classica ciliegina e conclude la nostra giornata Hymer!
Alle 17 siamo tutti sui nostri camper, in partenza alla volta del Lago di Costanza. Arrivati al campeggio, ecco che viene improvvisato un secondo aperitivo.
Sabato 3 giugno: la giornata di oggi è dedicata al Lago di Costanza. Con bus riservato, lasciamo il campeggio  per arrivare all’incantevole cittadina di Meersburg. Visitiamo il Burg, il vecchio castello, una chicca, una suggestione medievale. Al termine ci sparpagliamo nelle pittoresche viuzze del centro.
Il pomeriggio è dedicato a Mainau, ovvero l’isola giardino. Un’autentica meraviglia botanica impreziosita dal castello, dalla chiesa barocca che sembra un confetto e dal padiglione esotico, all’interno del quale, colorate farfalle volano impunemente sopra le nostre teste tra la ricca, rigogliosa vegetazione tropicale.
Domenica 4 giugno. E’ già ora del rientro in Italia! Prima, però, un ultima tappa sulle Alpi svizzere per la pausa pranzo al ristorante del Caseificio di Airolo.
Torniamo a casa con la soddisfazione di aver potuto vedere questo stabilimento tecnologico  all’avanguardia e soprattutto la consapevolezza di avere fatto un ottimo acquisto.
Ciao Hymer! 
Franco Parla

 A breve saranno disponibili tutte le foto dell'evento.